“Rosa cipria” _ ph OGI

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo1_1280

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo2_1280

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo3_1280

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo4_1280

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo5_1280

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo6_1280

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo7_1280

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo8_1280

tumblr_o6wjuv1iP21qz74nvo9_1280

ph. OGI

fonte/ blog.ogi.it

Domenica 30 aprile si è conclusa la mostra alla Galleria 33 di Arezzo.

Desidero ringraziare la gallerista e curatrice Tiziana Tommei.

Just a spoonful of sugar helps the medicine go down

Il progetto espositivo propone opere inedite, assemblages e collages su tela distinte in tre collezioni: “Scrigni-tubero”, “Collages” e “Archivi”. L’eterogeneità di tecniche e materiali è la più diretta manifestazione della libertà espressiva dell’artista, che in questa occasione ricorre ad objets trouvés, papier collés, tessuti, metalli, porcellane, fotografie, disegni e ricami. Il modus operandi è fatto di gesti lenti, tempo trascorso, profonda riflessione e azione misurata.
La mostra è stata concepita come un percorso che ha origine dal profondo, da una dimensione ancestrale da cui provengono gli “Scrigni-tubero”. Essi rappresentano delle entità primigenie e preziose. Sono diamanti grezzi. Idealmente estratti dalla terra, questi vengono alla luce – e dunque alla coscienza – costituendo il viatico per un viaggio alieno dal concetto di spazio-tempo inteso quale entità misurabile. Rappresentano una sorta di strumenti apotropaici. La forma plastica, ruvida, intricata e poetica degli “Scrigni” si contrappone a quella eterea, candida, luminosa e narrativa della collezione di tele intitolata “Collage”. Esse vanno lette come un racconto in cui le figure, dalle silhouettes leggere e incorporee, emergono silenti, allineandosi su di un palco metafisico e instaurando un dialogo ovattato tra loro e verso lo spettatore. Disegni fatti di tratti spezzati, rapidi e controllati, a suggerire personificazioni di stati d’animo e messaggi allegorici. Seguendo il filo rosso invisibile che collega i lavori esposti si giunge al gradino più alto, gli “Archivi”. Queste opere rappresentano l’esito di una ricerca: l’artista recupera dal passato, dalla sua storia, frammenti eterogenei per materia e genere – disegni, appunti, fotografie, schizzi, oggetti, gioielli – e li compone secondo un criterio uniforme, di matrice formale ed estetica, cromatica ed architettonica. Assemblages e collages di momenti vissuti, fermati nel passato, ma mai perduti. Composizioni che non obbediscono a principi cronologici o tematici e nelle quali ogni componente rappresenta una cellula autonoma, un’opera a sé stante. Le tavole diventano organi e insieme formano un corpo che trova negli scrigni la sua parte istintuale e nelle tele bianche quella spirituale.

Tiziana Tommei.