“Racconto di Carta” di Lucrezia Lombardo

Inaugurata la Galleria 33 con la mostra di Mauro Seresini

E’ stata inaugurata ieri la Galleria 33, in via Garibaldi ad Arezzo. La galleria ha avviato la propria attività con la mostra di Mauro Seresini, un artista che lavora la carta, dando vita, nel candore di questo materiale, a figure oniriche, che hanno lo spessore materico della realtà, nonostante la loro leggerezza di carta. Il bianco degli insetti di Seresini comunica al fruitore l’accesso a un mondo parallelo, dove l’immaginazione la fa da padrona: nonostante il realismo degli insetti creati dall’artista, infatti, il candore della carta li rende surreali. Così come surreale è la scultura, di dimensioni umane, che è esposta all’ingresso della galleria e che forse rappresenta un cavallo, forse un unicorno. Esponendo un artista così “orientale” -per lo stile minimale e al tempo stesso elegante che lo caratterizza-, la gallerista Tiziana Tommei propone al pubblico qualcosa di assolutamente originale, poichè mette in mostra delle produzioni manuali cariche di concetti. Gli insetti e le figure da fiaba di Seresini, infatti, parlano degli echi inconsci di ciascuno di noi, parlano del “residuo d’infanzia” che riecheggia nell’animo di ogni adulto e evocano un mondo ancestrale e primordiale. Non è un caso che questo mondo abbia il “non-colore” del bianco -bianco che poi è, in potenza, tutti i colori-, in quanto questo “non-colore” fonda l’intera tavolozza dei colori. In un’atmosfera quasi di mistero, le creazioni dell’artista prendono forma collocandosi in uno spazio che assomiglia a un laboratorio di biologia ma che, al tempo stesso, è lo spazio in cui il cavallo-unicorno di carta resta sospeso. Il vocabolario di quest’artista, estremamente poetico, sembra così esser fatto degli stessi personaggi di una fiaba. L’universo linguistico che Seresini crea è quello della magia dell’immaginazione, in cui forme, colori e materiali sono reimpiegabili e riassemblabili in maniera nuova. Questa mostra è “educativa” soprattutto per gli adulti, perchè c’insegna il valore universale dell’immaginazione, la sola cosa che salva anche nelle difficoltà della vita.

Lucrezia Lombardo
arezzooggi.net
www.arezzooggi.net