Organza

Rassegna stampa

Organza, questo il titolo della mostra che inaugura il 5 maggio 2013, alle ore 19.00 presso Galleria 33 ad Arezzo.

L’evento espositivo, prima personale di Christina Williams in Italia, presenta l’opera, originalissima, di una personalità artistica d’indubbio appeal, Christina Williams. Nata ad Eugene, nell’Oregon, e formatasi in un periodo compreso tra la fine degli anni ‘60 e i primi anni ’70, negli Stati Uniti e in Italia, più in particolare a Roma, Christina Williams risiede attualmente in Toscana, a Cortona.

Una produzione artistica fondata sulla straordinaria e minuziosa attenzione alla realizzazione di un’idea, nonché sulla traduzione di un disegno, tutto mentale, in intarsio di tessuti, preziosi e ricercati.

Una trasfigurazione di tradizioni: in primis quella orientale, per l’ascendenza da exempla giapponesi, che rappresentano, oltre a richiami formali, la materia stessa e il tangibile veicolo d’espressione dell’universo astratto e figurato dell’artista.

Dall’est all’ovest. Richiami a tarsie romaniche e rinascimentali, all’Art Nouveau, ai Fauves e al Surrealismo, e, prima ancora, ai Nabis e all’Arts & Craft di William Morris, emergono fra le trame di organza e tessuti applicati che, insieme, rivelano un’inesauribile vena immaginifica e un’incontestabile padronanza dei mezzi espressivi.

La mostra invita a scoprire le tappe di un percorso creativo, cronologico e tematico. Muovendo da composizioni geometriche, prime tra tutte le reiterate forme cubiche di Chocolate Meteors – che ricordano il virtuosismo pittorico pierfrancescano alle spalle della Vergine nell’Annunciazione di Arezzo – si approda, in un secondo tempo, alla rarefazione, in chiave decorativa, di elementi tratti dalla natura.

Nella serie Suburban Nightmare, l’universo onirico della Williams è intrappolato tra le maglie di coordinate cartesiane, che richiamano, al pari dell’albero nodoso e “super flat”, il vocabolario di Piet Mondrian. La casa rossa, firma dell’artista, è riproposta e accostata ossessivamente a moduli geometrici, nonché a quel sistema di figure e segni che, quali testimonianze dell’excursus creativo, si assemblano, senza una logica, come in un sogno.

Una dimensione fuori dal tempo e dallo spazio, all’apparenza mai spettrale, ma che svela, nel precario equilibrio e continuo rovesciamento dell’oggetto simbolo dell’intimità e della sicurezza familiare – la casa – la sua verità assoluta, trasformandosi in una realtà fortemente personale, in un mondo interiore, che è quello, intellettuale e visionario, di Christine Williams.

La mostra, curata da Tiziana Tommei, organizzata e promossa da Galleria33, sarà visitabile fino al 19 maggio, ad ingresso libero, con i seguenti orari: mercoledì, venerdì h 17|19.30 e sabato, domenica h 11.00|13.00 e 17.00|20.00.

L’evento è realizzato con la collaborazione di Elle Adv marketing & comunicazione e grazie al supporto tecnico di Crepes de Lune, Strada del Vino Arezzo e Tenuta di Frassineto.