Fino al 19 luglio “Nulla è come sembra” in Galleria 33

foto
Continua la mostra di Carla Mura e Giulio Giustini, curata dalla storica dell’arte Tiziana Tommei, nello spazio espositivo in via Garibaldi 33 ad Arezzo.
Il titolo è un invito al visitatore ad indagare le opere con curiosità e attenzione, per saggiarne la materia e la forma, fino a carpirne la reale essenza. Quello che può apparire come pittura astratta infatti è in verità filo di cotone, sovrapposto e incrociato in tele di medio e grande formato, mediante un iter lento, preciso e studiato: Carla Mura costruisce così le sue tele, tutte di formato rigorosamente quadrato. In esse la sostanza architettonica e plastica prevale sull’apparenza sembianza pittorica di giustapposti e compatti patterns cromatici. Assemblage di materiale recuperato e trasfigurato sotto colate dense di colori puri a mimare oggetti di design e materiali quali plastica, porcellana, tessuto: Giulio Giustini raccoglie e dispone con maniacale controllo un magma di oggetti di eterogenee dimensioni e sostanza, a costituire zolle in cui la memoria insita negli elementi recuperati dal passato è celata e utopisticamente sospesa in un eterno presente.

Tiziana Tommei

Carla Mura, Rosso, 2012, filo di cotone su tela, 50x50 cm

Carla Mura “Rosso” 2012